Microsoft Excel è uno strumento fondamentale nella gestione dei flussi di informazione e nella loro organizzazione e rappresentazione, attraverso grafici e tabelle, ma alcune delle sue funzionalità possono risultare complesse a chi non abbia la giusta dimestichezza con il software.
CHART | BI sotto molti aspetti non è solo un add-in, ma rappresenta un’evoluzione di Excel, apportando con le sue caratteristiche alcune funzioni esclusive di Data Visualization e Data Storytelling che non sono disponibili nelle versioni più recenti di Excel.
Usando CHART | BI si può migliorare la rappresentazione visiva di tutti i dati disponibili, facilitare la loro lettura e la loro comunicazione, personalizzare al massimo i grafici excel e i singoli item, per ottenere un risultato finale totalmente a misura dei propri obiettivi aziendali e di business.

Vediamo nel dettaglio alcune delle principali novità introdotte da CHART | BI, non presenti nelle versioni 2013 e 2016 di Microsoft Excel:

  • I grafici

Punto di forza di CHARTBI è la presenza di una libreria di grafici innovativi e dinamici, che permettono di rappresentare i dati con un aspetto più originale e d’impatto rispetto ai tradizionali grafici Excel, essendo inoltre completamente customizzabili.
Basta guardare la differenza tra il grafico “donut“- ciambella – di Excel 2016 e quello disponibile nell’archivio di grafici di CHART | BI; stesso effetto con i grafici “funnel” e “waterfall“, inesistenti in Excel 2013, decisamente basilari in quella 2016 e presenti con uno stile colorato, accattivante e chiaro nella libreria di CHART | BI.
Se la differenza sui modelli esistenti è evidente, impossibile non sottolineare la presenza di una serie di grafici totalmente inediti, di cui solo CHARTBI dispone e che rispondono a specifiche esigenze di rappresentazione grafica e data visualization per diversi settori professionali e funzioni aziendali: Gannt Charts, Matrix Charts, HiLo Charts, Puzzle Charts, Infografiche e moltissimi altri.

  • Le annotazioni

CHARTBI rivoluziona il sistema di note con cui più persone possono lavorare sullo stesso progetto Excel, segnalando modifiche, correzioni, appunti vari all’interno del file condiviso. Permette infatti annotazioni testuali, ma anche audio o visive, agevolando il compito di chi lavora sullo stesso grafico e di chi lo consulterà. Integrandosi con le funzioni di animazione dei grafici, questo aspetto rappresenta un punto di forza che introduce innovativi aspetti di Data Storytelling per “far parlare” i grafici Excel.

  • Le funzionalità di Business Intelligence

In CHARTBI sono presenti un ampio set di nuove funzionalità e soluzioni di Business Intelligence che rendono molto più intuitiva la navigazione tra i dati e la creazione di grafici excel.
Ad esempio è possibile la visualizzazione di elementi in serie progressiva o per blocchi grazie alla barra di scorrimento, elemento non disponibile su Microsoft Excel e che facilita enormemente l’osservazione dei dati quando ci sono dataset particolarmente complessi e ricchi e la fruizione dei grafici elaborati; per quel che riguarda l?interattivit? di grafici e dati in CHARTBI vengono introdotte dashboard interattive, con funzionalità avanzate di esplorazioni e collegamenti tra grafici e tabelle pivot, per aggiornare semplicemente categorie e valori tramite menu con azioni di slice and dice; infine il programma introduce un’utilissima funzione di collegamento tra i file dei grafici e la galleria immagini dell’utente per consentire in pochi clic la personalizzazione dei grafici excel con immagini dei propri prodotti, dipendenti, ecc.

Sono dunque numerose le funzioni e le possibilità che CHARTBI offre a chi vuole lavorare con Excel per la realizzazione di grafici che abbiano qualcosa in più dal punto di vista grafico ma anche della gestione dei valori. Uno strumento di Data Visualization e Business Intelligence che integra un set di funzioni che non sono previste nelle versioni classiche di Microsfot Excel 2013 e 2016, ma che oggi più che mai possono rappresentare un valore aggiunto nei documenti e nei report che produciamo quotidianamente nel lavoro.

Leave A Comment

You must be logged in to post a comment.